21 views

La sfida “madre” ha detto Gsa: 65-63

3 Marzo 2013

Bello e basta. A prescindere dal risultato finale, chi ha avuto il privilegio e la fortuna di assistere dal vivo alla sfida “madre” tra Gsa e Friuladria s’è stropicciato gli occhi. E’ stato un derby spettacolare, ma fisico al tempo stesso. Con una straordinaria cornice di pubblico. Perché il Benedetti ha fatto la sua parte in tutti sensi. Alla fine ha vinto la Gsa per 65-63, con merito aggiungiamo noi, però com’è giusto che fosse la Friuladria ha venduto cara la pelle. E da grande squadra era anche riuscita a sorpassare i bianconeri nell’ultimo quarto. Poi, Munini, Piani e Confente hanno fatto pendere l’ago della bilancia dalla parte degli udinesi. La lotta per la promozione diretta non è chiusa. Ah già, c’era la diretta su FvgSport channel. Anche chi era seduto sul divano o appiccicato al computer non s’è perso nulla. Beati noi.

GSA 65
FRIULADRIA 63

30-22, 43-37, 51-48

GSA APU UDINE
Barazzutti, Gambaro, Confente 10, Metz 2, Gatto 14, Munini 17, Principe 11, Piani 11; non entrati: Vischi e Zakelj. Coach Paderni.
FRIULADRIA PIENNE PORDENONE
Laezza 8, Muner 4, Ughi 4, Galli, Colamarino 9, Nobile 2, Buscaino 18, Bonoli 6, Moro, Infanti 11. Coach Romanin.
Arbitri Poulidis e Almerigogna.
Note Tiri liberi: Gsa 9/12, Friuladria 8/14. Tiri da due: Gsa 19/41, Friuladria 20/40. Da tre: Gsa 6/27, Friuladria 5/27. Rimbalzi: Gsa 48 (Principe 12), Friuladria 42 (Principe 14).

Ufficio Stampa