6 views

Zacchetti in sede e arriva anche Poltroneri

2 Agosto 2014

Joel Zacchetti ha ricevuto i gradi di capitano dal presidente Pedone (foto apudine.it)

Ieri, Joel Zacchetti è passato in sede Gsa a Feletto per firmare il nuovo contratto e ricevere ufficialmente i gradi di capitano dal presidente Pedone come si vede nella foto allegata (credits www.apudine.it). Le parole dell’ad e gm, Davide Micalich: «La scelta di rilanciare su Zacchetti è stata unanime. La società, il coach e il giocatore si sono ritrovati spinti dall’idea di ripartire dalla ritrovata integrità fisica di Joel. Con la speranza che gli ultimi due mesi della scorsa stagione siano stati il suo precampionato per questa ormai alle porte. Il presidente ha ribadito a Zacchetti tutte le sue aspettative sul giocatore e l’ha responsabilizzato con i gradi di capitano».
Contestualmente, la Gsa Apu Udine comunica di aver raggiunto un accordo per la stagione 2014/2015 con l’atleta Davide Poltroneri.

LA SCHEDA
Nome: Davide
Cognome: Poltroneri
Data di nascita: 24/09/1985
Luogo di nascita: Recco (Genova)
Altezza: 196 cm
Ruolo: Ala

LE PAROLE DEL PRESIDENTE ALESSANDRO PEDONE
«Poltroneri è un atleta fortissimo con una grande voglia di riscatto dopo l’infortunio a un ginocchio e, pure lui come tutti gli altri, ha sposato con grande entusiasmo il nostro progetto esposto dall’ad e gm, Davide Micalich. Per noi, lui è un vero crack. Negli anni, ha dimostrato di essere un assoluto protagonista delle serie minori. Speriamo mantenga, o migliori, le sue incredibili medie stagionali pure in serie B con la maglia della Gsa. Anche lui sa come vincere un campionato avendolo fatto più volte. A questo punto, con l’acquisto di Poltroneri, il roster è quasi completo e la società comunicherà il nono senior a disposizione di coach Corpaci entro i primi giorni della prossima settimana».

LE PAROLE DI COACH LUCA CORPACI
«Poltroneri è un attaccante di razza. É un “3” che però é in grado di difendere anche sui “4” data la struttura fisica ed il passo. Sa giocare fronte e spalle a canestro. Questa sua duttilità ci consentirà di giocare spesso con quattro esterni cosa in cui credo molto. Ha sposato per anni la causa di Perugia con cui ha vinto la Dnb per poi rivelarsi protagonista assoluto anche in DNA. Lo scorso anno la meritata chiamata da Trento in Gold dove, però, è stato fermato presto da un grave infortunio a un ginocchio. Ora, è giunto quasi alla fine del recupero fisico e contiamo di inserirlo per gradi consapevoli che Davide potrà essere alla lunga un grande protagonista della stagione».

Ufficio Stampa

Altri articoli

Scopri