18 views

U17: Ina Assitalia – BalonSesto 67-65

10 Novembre 2014

L’agenzia Generali Ina Assitalia di Rinaldini, sponsor del settore giovanile Apu

Dopo la pesante sconfitta contro l’Arcobaleno a Trieste, l’APU Generali Ina Assitalia si riscatta vincendo l’importantissima sfida col Balonsesto, in una partita ricchissima di colpi di scena e decisamente equilibrata, come dimostra il punteggio ridotto. I primi minuti sono tutti dei giocatori pordenonesi, che cominciano forte con un miniparziale di 5-0. Gli udinesi entrano però subito in partita e, nonostante i troppi liberi sbagliati, i ragazzi di coach Biedov, trascinati da Losito e capitan Chiti, riescono a portarsi sul -1 di fine period0 (19-20). Durante la seconda frazione il Balonsesto incrementa ulteriormente il ritmo, ma l’APU non demorde ed è un ottimo Gaddi il giocatore che, soprattutto in difesa, fa la differenza per gli udinesi; in attacco, invece, si evidenzia un positivo Nobile. Tuttavia i troppi errori in contropiede non permettono ai nostri di compiere il sorpasso e gli ospiti rimangono avanti nel punteggio, per poi incrementare il vantaggio negli ultimi tre minuti del quarto per merito di un grintoso Randazzo (29-38). Nella ripresa l’APU cerca in tutti modi di riprendere gli avversari, avvicinandosi sempre di più grazie agli sforzi disumani di uno spettacolare Martinuzzi e di un solidissimo Dosmo, ma l’uscita di quest’ultimo per una brutto contrasto e quella di capitan Chiti per cinque falli danno ai pordenonesi lo spunto per un nuovo miniparziale che li riporta sul +9 (38-47). L’ultima frazione, decisiva per le sorti del match, inizia con entrambi le squadre molto tese per l’enorme pressione, ma l’APU è la prima a sbloccarsi grazie alla precisa regia di Cataruzzi e ad un’aggressiva difesa di squadra. Gli udinesi si avvicinano sempre più e, a pochi minuti dalla fine, il layup di Tomada sancisce il primo vantaggio APU, a cui però il Balonsesto risponde prontamente. Poi, di nuovo, quando il glaciale Losito insacca la tripla del nuovo +1, sembra essere arrivato il momento della svolta, purtroppo i pordenonesi sono ancora in grado di replicare con un tiro da dietro l’arco. A questo punto i nostri costruiscono un’azione confusa, ma riescono comunque a catturare il rimbalzo offensivo e la palla viene scaricata a Martinuzzi a solo un metro dalla linea dei tre punti: il n° 35, dopo averci pensato un po’, segna la tripla che fa esplodere il PalaBenedetti. A nulla vale il tentativo di penetrazione ospite: il tiro in traffico s’infrange sul ferro assieme alle  speranze dei pordenonesi, e l’APU porta a casa una grande vittoria.

Federico Collavini

Parziali: 19-20; 29-38; 38-47; 67-65
APU: Basso, Cataruzzi 5, Alibegovic, Nobile 5, Collavini, Chiti 7, Tomada 6, Gaddi 4, Aleksic, Dosmo 8, Losito 12, Martinuzzi 20.  All.: Bjedov.

Ufficio Stampa