22 views

L’Ina Assitalia Apu in eccellenza U17

22 Settembre 2014

Buona la prima per coach Bjedov e i suoi ragazzi

Ottimo lavoro per l’APU che, dopo due vittorie conseguite rispettivamente contro la  A. DIL. PALL. CODROIPESE e la ASD VIRTUS FELETTO, conquista la partecipazione al campionato u17 d’eccellenza. Gli spareggi, tenutisi venerdì 19 e sabato 20, hanno visto i ragazzi udinesi esprimere un buon basket, nonostante fossero le prime gare ufficiali per questo nuovo gruppo. La partita contro Codroipo, disputatasi nella palestra di Cavalicco, è iniziata alla pari, con l’APU guidata da un solido Chiti, capace con le sue entrate di penetrare facilmente la difesa avversaria, mentre per i codroipesi è stato Valoppi a far la voce grossa in tutte e due le metà campo, allenato da Goran Bjedov. Nel secondo quarto i nostri hanno alzato vertiginosamente, ruotando molti giocatori e mettendo a dura prova il fiato degli avversari, che non sono riusciti a trovare valide alternative ai “Big Two” Costantini e Valoppi e alla regia di Rizzi, mentre i vari Losito, Dosmo e Martinuzzi  sono sembrati impossibili da fermare, soprattutto in attacco. Il secondo tempo del match è stata quasi una formalità: l’APU ha preso il largo e ha viaggiato ad oltre 30 lunghezze di vantaggio, mentre Cataruzzi e Chiti giocavano con grande intensità e facevano soffrire i codroipesi, che levavano bandiera bianca. Contro la  ASD VIRTUS FELETTO l’inizio è stato, invece, in salita: Diop e Diof hanno dominato fin dai primi minuti di gioco sotto i tabelloni e in post basso, mentre l’importante Anese è stato costretto in panchina dopo alcuni minuti per problemi di falli. A questo punto l’APU è sembrata in completa balia degli avversari. Finalmente, sull’11-1, Losito ha suonato la carica per i suoi e, assieme ai solidi Cataruzzi e Martinuzzi, ha portato gli udinesi in vantaggio. L’entrata di Aleksic e Dosmo ha dato ulteriore energia ai nostri che hanno continuato l’opera anche nel secondo quarto, mentre il Feletto ha sofferto molto vista la grande differenza fisica tra i piccoli udinesi e quelli avversari, che bilanciava quella tra i lunghi. Nel secondo tempo, nonostante il netto divario tra le due compagini, il Feletto ha avuto il merito di non mollare e di tentare più volte l’ardua rimonta, ma è stato sempre ricacciato indietro da una pronta APU, che alla fine porta a casa l’accesso all’eccellenza.
Federico Collavini

Ufficio Stampa

Altri articoli

Scopri