21 views

Le prime parole udinesi di Zampolli

3 Agosto 2014

Anche Zampolli non vede l’ora di cominciare la nuova stagione

Gionata Zampolli ha ottime referenze. Su di lui garantisce coach Luca Corpaci, che l’ha allenato a San Severo, con una sola e significante frase rilasciata nel momento in cui è stato ufficializzato il suo arrivo alla Gsa: «Atleticamente vale un americano, ha passione e senso del lavoro». Se non ci credete basta andare rapidamente su un noto social network per vedere un video in cui s’immortala una schiacciata di “Gionny”, ma soprattutto si nota il suo fisico asciutto.
«Ho deciso di venire a Udine – sono le sue prime parole da giocatore della Gsa – perché la reputo una realtà in cui la passione per la pallacanestro è fortemente radicata. Adesso, grazie all’Apu, c’è la possibilità concreta di risalire verso i massimi livelli e io voglio assolutamente fare parte di questo progetto».
Il tuo rapporto con coach Corpaci?
«Luca mi ha allenato a San Severo nella stagione 2012/2013. In quell’occasione, mi ha colpito sicuramente il suo modo di concepire la pallacanestro e il rapporto con i giocatori. Mi ha fatto migliorare tantissimo e in un momento di grossa difficoltà mi ha saputo sostenere e stimolare. Grazie a lui i miei orizzonti tecnici sono aumentati e mi ha dato la possibilità di vedere la pallacanestro da un altro punto di vista».
Che tipo di giocatore sei?
«Sono un giocatore molto atletico, veloce e che ama attaccare il canestro. Fondamentalmente sono un giocatore di 1 contro 1, molto più pericoloso con la palla in mano che senza. Posso giocare in due ruoli, play e guardia».
Chi conosci dei tuoi nuovi compagni?
«Di nome tutti. In campo li ho affrontati tutti tranne Mlinar. Conosco bene Zacchetti perché abbiamo giocato assieme a Cremona in A1».
Che campionato ti aspetti?
«Penso che sarà un campionato molto difficile, in particolare il nostro girone B. Data la presenza ingombrante di molti americani nelle serie superiori, molti giocatori forti sono scesi e hanno reso il livello della serie B notevolmente più alto».
Il tuo messaggio alla tifoseria friulana?
«Riportiamo insieme il basket udinese in serie A», chiude Zampolli.

Ufficio Stampa