Your browser (Internet Explorer 6) is out of date. It has known security flaws and may not display all features of this and other websites. Learn how to update your browser.
X
Post

Pellegrino è carico come una molla

Traspare tanto entusiasmo dalle prime parole in bianconero di Pellegrino (foto Zamolo)

L’impatto di Francesco Pellegrino con la nuova realtà udinese è identico a quello di Tommaso Raspino. Dalla lontana Sicilia, dove si trova attualmente in vacanza, il lungo ex Ferrara spende parole al miele nei confronti dell’Apu Gsa. Al telefono colpiscono la convinzione e il tono della voce con cui Pellegrino sottolinea i motivi per cui ha scelto Udine e il Friuli.

“La società è stata molto convincente - dice -. Il gm Micalich e coach Lardo mi hanno veramente colpito e trasmesso il loro entusiasmo. Il ritorno al Carnera è interessante per tutti i tifosi friulani, figurarsi per noi che avremo l’opportunità di giocare in un palazzo storico della pallacanestro. Inoltre, è importante avere una città intera alle spalle”.
Che cosa rappresenta Udine per te?
“Un’occasione per affermarmi ulteriormente in serie A2. L’Apu Gsa rappresenta voglia di vincere perché, a prescindere da tutto, è quello che conta”.
Hai affrontato da avversario Udine nell’ormai scorsa stagione. Qual è la fotografia che ti sei fatto della creatura bianconera?
“Ho visto una squadra serena: questo è un aspetto che ti porta a fare bene. L’Apu Gsa si è dimostrata completa in tutti i ruoli e i giocatori si passavano la palla. Si vede che si trovavano bene tra loro. Pure questo è uno dei motivi che ti portano a firmare per una società”.
Che giocatore sei? 
“Mi definisco come il tipico centro. Ho migliorato, nel corso degli anni, il gioco in post basso. Sicuramente sono alto e pesante, però sono altrettanto mobile per la mia stazza. Il gioco d’oggi ti costringe ad essere veloce oltre che forte, quindi cerco di rimanere al passo. Un’altra mia caratteristica è il tiro dalla media anche se preferisco giocarmela spalle a canestro. Sono, infine, versatile e mi piace legare con qualunque compagno di squadra. Sono fatto così di carattere. Mi trovo bene con tutti”.
Qual è il tuo messaggio alla tifoseria? 
“Ai tifosi dico di venire al Carnera per provare a divertirci tutti insieme. Seguiteci il più possibile perché questa è la molla che ci consentirà di andare avanti nei momenti di difficoltà. Spero che il pubblico friulano si confermi quale sesto uomo in campo”.
Ufficio Stampa